Rottamazione quater, cosa succede se non pago una rata o pago in ritardo?

articolo a cura di:
Elisa Bidoglia
Elisa Bidoglia

pubblicazione:

Rottamazione quater

Rottamazione-quater, cosa succede se non pago una rata o pago in ritardo?

In caso di mancato o insufficiente o tardivo versamento di una rata, si decade dal beneficio della definizione agevolata.

Chi non paga le rate stabilite, ma anche chi paga in misura ridotta o in ritardo, perde i benefici previsti dalla definizione agevolata e, di conseguenza, riprendono a decorrere i termini di prescrizione e decadenza per il recupero dei carichi oggetto della dichiarazione di adesione.

In tal caso, i versamenti effettuati sono acquisiti a titolo di acconto dell’importo complessivamente dovuto a seguito dell’affidamento del carico e non determinano l’estinzione del debito residuo, di cui l’agente della riscossione prosegue l’attività di recupero.

In pratica, saltare un pagamento, farlo in modo parziale o in ritardo comporterà:

1) l’uscita dalla sanatoria;
2) il ritorno del carico debitorio pieno delle vecchie cartelle;
3) la decorrenza, quindi, dei termini di prescrizione e decadenza per il recupero dei carichi oggetto della rottamazione; pertanto, il contribuente ritornerà ad essere soggetto a procedure cautelari ed esecutive.

Chi, invece, non ha aderito alla rottamazione o è decaduto dalla definizione agevolata ha sempre la possibilità di rateizzare, in deroga alla disciplina generale, il carico.

IMPRENDITORE, RICORDA CHE LA SOLUZIONE AL DEBITO FISCALE ESISTE!

Impugnando l’atto ricevuto puoi abbattere lo stesso debito.

Inoltre, se il debito è maggiore di 500mila euro esistono strumenti che, in modo legale, pratico e concreto, dopo aver impugnato le cartelle esattoriali o gli atti, ti permettono di abbattere il debito fiscale e del 70-80% e farti pagare il restante 20-30% in 4-5 anni.

Ecco un articolo al riguardo:

Risolvi il Debito Fiscale e la Crisi d'Impresa