Proroga Rottamazione Quater: il Governo lavora allo slittamento dei pagamenti al 18 dicembre

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

Proroga Rottamazione Quater

Proroga Rottamazione Quater: il Governo lavora allo slittamento dei pagamenti al 18 dicembre

Sei tra coloro che hanno aderito alla Rottamazione Quater ma non sono riusciti a saldare la prima e la seconda rata nei termini previsti?

Ecco una notizia che potrebbe interessarti.

Proroga Rottamazione Quater: il Senato ci prova

Recentemente, un emendamento al Senato ha introdotto una modifica significativa per chi ha aderito alla rottamazione quater ma non ha ancora saldato le rate. L’emendamento propone di considerare validi tutti i pagamenti della prima e della seconda rata della rottamazione quater effettuati entro il 18 dicembre 2023. Una bella notizia che potrebbe trovare conferma nei prossimi giorni. Con l’approvazione di questo emendamento, chi non è riuscito a pagare entro queste scadenze avrà una nuova opportunità per mettersi in regola senza decadere dall’adesione alla rottamazione.

Proroga Rottamazione Quater: l’Importanza dei Tempi

Secondo il calendario legislativo, l’approvazione della legge che include l’emendamento dovrebbe avvenire entro il 14 dicembre 2023. Ciò significa che, fino a quella data, chi non ha pagato le rate è considerato decaduto dall’adesione. Tuttavia, con l’approvazione dell’emendamento, avrai tempo fino al 18 dicembre 2023 per effettuare i pagamenti e mantenere i benefici della rottamazione.

Un’Opportunità per chi Ha Pagato in Ritardo

L’emendamento offre un vantaggio anche a coloro che hanno già effettuato i pagamenti, ma in ritardo. Se avrai saldato le rate dopo le scadenze ma entro il 18 dicembre 2023, sarai considerato in regola.

Le leggi fiscali sono in costante evoluzione, e comprendere i loro cambiamenti è fondamentale per gestire al meglio la propria situazione finanziaria. Iscriviti GRATIS al prossimo Fiscal Webinar, scoprirai come gestire:

– le Intimazione di Pagamento
– i Fermi Amministrativi
– le Ipoteche
– i Pignoramenti dei conti correnti
– i Pignoramenti dei crediti

Ma non solo, avrai tutte le novità sul rinvio e su quanto il Governo sta decidendo in queste ore e ti diremo come usufruire delle immediate soluzioni se sei:
🚶‍♂️ Una PERSONA FISICA: Impugnare il debito e, a sussistenza dei presupposti, aderendo alla vecchia “Legge 3/2012”

💼 Un LIBERO PROFESSIONISTA: Impugnare il debito e aderire al Concordato Minore

🏢 Un IMPRENDITORE: Impugnare il debito e aderire a una delle procedure del nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza. Tante soluzioni potranno permetterti di ridurre il tuo debito del 70-80%, pagando il restante 20-30% in 4-5 anni.

Codice della crisi e dell’insolvenza, un quadro d’insieme

Il nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza offre alle imprese in difficoltà una serie di opportunità per ridurre il proprio debito fiscale dopo averlo impugnato. Grazie ad esso, ad esempio, è possibile ridurre il debito fino al 70-80%, pagando il restante 20-30% in 4 o 5 anni.

Riduci il debito del 70-80%