Proroga Pagamenti Rottamazione Quater: arriva l’ok dal Governo e slittano al 18 dicembre

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

Proroga Pagamenti Rottamazione Quater

Proroga Pagamenti Rottamazione Quater: il Governo da l’ok ai pagamenti al 18 dicembre

Una notizia appena battura da Ansa.it conferma che: “c’è tempo fino a lunedì prossimo, 18 dicembre, per chi non ha ancora pagato le prime 2 rate della rottamazione delle cartelle“.

E così, come anticipato da noi alcuni giorni fa, “il nuovo termine è previsto dal decreto anticipi approvato e conferma che sarà possibile effettuare il pagamento, senza sanzioni né interessi di mora, delle prime due rate della rottamazione-quater”.

L’emendamento approvato stabilisce che i versamenti con scadenza il 31 ottobre 2023 (prima o unica rata) e il 30 novembre 2023 (seconda rata) si considerano tempestivi se effettuati entro il 18 dicembre 2023. Per tale scadenza non sono previsti 5 giorni di flessibilità”.

Proroga Pagamenti Rottamazione Quater: un’Opportunità per chi Ha Pagato in Ritardo

Le leggi fiscali sono in costante evoluzione, e comprendere i loro cambiamenti è fondamentale per gestire al meglio la propria situazione finanziaria. Iscriviti GRATIS al prossimo Fiscal Webinar, scoprirai come gestire:

– le Intimazione di Pagamento
– i Fermi Amministrativi
– le Ipoteche
– i Pignoramenti dei conti correnti
– i Pignoramenti dei crediti

Ma non solo, avrai tutte le novità sul rinvio e su quanto il Governo sta decidendo in queste ore e ti diremo come usufruire delle immediate soluzioni se sei:
🚶‍♂️ Una PERSONA FISICA: Impugnare il debito e, a sussistenza dei presupposti, aderendo alla vecchia “Legge 3/2012”

💼 Un LIBERO PROFESSIONISTA: Impugnare il debito e aderire al Concordato Minore

🏢 Un IMPRENDITORE: Impugnare il debito e aderire a una delle procedure del nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza. Tante soluzioni potranno permetterti di ridurre il tuo debito del 70-80%, pagando il restante 20-30% in 4-5 anni.

Codice della crisi e dell’insolvenza, un quadro d’insieme

Il nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza offre alle imprese in difficoltà una serie di opportunità per ridurre il proprio debito fiscale dopo averlo impugnato. Grazie ad esso, ad esempio, è possibile ridurre il debito fino al 70-80%, pagando il restante 20-30% in 4 o 5 anni.

Riduci il debito del 70-80%