Pignoramento prima casa: quando è possibile e quando si può evitare

articolo a cura di:
Elisa Bidoglia
Elisa Bidoglia

pubblicazione:

Pignoramento prima casa: quando è possibile e quando si può evitare

Pignoramento prima casa: cosa devi sapere, quando è possibile e quando si può evitare.

Il pignoramento è il primo atto esecutivo (se ne hai ricevuto uno e vuoi risolverlo clicca qui) con il quale prende avvio la procedura di espropriazione forzata dell’immobile, con cui il creditore ottiene lo spossessamento di un bene del debitore che si è rivelato “inadempiente“.

Esso è realizzato con lo scopo di vincolare determinati beni del debitore al soddisfacimento del diritto di credito del creditore.

La prima casa è pignorabile tutte le volte in cui il debito è di natura privata. Questo si verifica per esempio, se il creditore è un istituto bancario o una finanziaria che ha erogato un prestito, la legge non prevede limiti e per il debitore non sussiste nessuna forma di tutela. Inoltre, il pignoramento può avvenire a prescindere dalla misura del debito contratto. 

Nel caso in cui, invece, siamo di fronte ad un debito di natura erariale, vi sono dei limiti legati al pignoramento della prima casa, senza i quali l’abitazione di residenza del debitore non è pignorabile; è possibile, però, rientrare in una delle fattispecie di esenzione dalla pignorabilità della prima casa del debitore.

Pertanto, il primo aspetto da evidenziare è che vi sono delle differenze nelle possibilità di pignoramento della prima casa a seconda che il creditore sia:

  1. Un soggetto privato, per debiti privati (es. fornitore, banca, etc); 
  2. L’Erario, in caso di mancato pagamento di debiti erariali.

Nel caso in cui il creditore sia l’Erario, quest’ultimo, prima di poter procedere con la procedura esecutiva, deve verificare che:

  1. la prima casa non sia l’unico immobile di proprietà del debitore;
  2. La prima casa sia un immobile di lusso, ovvero accatastato nelle categorie A/1, A/8 o A/9;
  3. Il debitore non abbia la residenza nell’immobile che si vuole pignorare e che l’immobile non sia adibito a civile abitazione.

Quindi se il Fisco tenta una procedura immobiliare, è fondamentale verificare se quest’ultima sia stata intrapresa legittimamente.

Pignoramento prima casa e non solo: la soluzione ai debiti fiscali esiste.

IMPRENDITORE, RICORDA: se il tuo debito è maggiore di 500mila euro esistono strumenti che, in modo legale, pratico e concreto, abbattono il tuo debito fiscale e non dell’80% permettendoti di pagare il restante 20% in 4-5 anni.

Ecco un articolo al riguardo:

Gestisci e Risolvi il debito fiscale