Pignoramento mobiliare: anche i beni che non sono del debitore possono essere aggrediti

articolo a cura di:
Alexandra Favaloro
Alexandra Favaloro

pubblicazione:

Pignoramento Mobiliare

Pignoramento mobiliare: anche i beni che non sono del debitore possono essere aggrediti

Abbiamo parlato più volte dei rischi nei quali si incorre quando si lascia il proprio debito con ADER a maturare senza intervenire tempestivamente. Il pericolo più grande è rappresentato dalle procedure esecutive che possono essere azionate dal Fisco per tutelare i propri crediti.

Tra queste procedure possiamo certamente annoverare il pignoramento mobiliare. Sebbene in genere vi sia una predilezione da parte di Ex-Equitalia per il pignoramento presso terzi c.d. diretto, che va a colpire conti correnti o crediti vantati dal debitore senza nemmeno passare dal Giudice, anche il pignoramento mobiliare può arrecare spiacevoli conseguenze e può essere largamente utilizzato da Agenzia Riscossione.

Pignoramento mobiliare: cos’è e come funziona

Si tratta di una procedura disciplinata dall’art. 513 c.p.c. che presuppone l’intervento attivo dell’Ufficiale Giudiziario, il quale, su impulso del creditore, potrà accedere presso la casa del debitore e nei luoghi a lui appartenenti al fine di ispezionare i beni ivi presenti in modo da poterli sottoporre a pignoramento e successiva vendita.

Quando si fa riferimento alla “casa” deve intendersi il luogo in cui il soggetto dimora abitualmente, indipendentemente dal diritto di godimento vantato su quel luogo.

Potrebbe accadere però che presso il debitore si trovino anche dei beni di proprietà altrui

In questo caso, tali beni, si presumono del debitore, salvo che il legittimo proprietario non riesca a dimostrare con apposita documentazione che appartengano a quest’ultimo.

Ma i beni di proprietà dei terzi sono veramente salvi?

Come dicevamo, nel momento in cui l’ufficiale giudiziario accede presso l’abitazione o gli altri luoghi adibiti a soddisfare le esigenze della famiglia con i quali il debitore abbia un rapporto stabile e continuativo, si da per scontato che tutto quanto sia rinvenuto all’interno appartenga al debitore

Non è onere, infatti, dell’ufficiale giudiziario compiere le verifiche circa l’appartenenza effettiva dei beni mobili. Secondo quanto è stato stabilito dalla Cassazione (Cass. 23625/2012) l’Ufficiale Giudiziario svolge una funzione meramente esecutiva, senza potersi dilungare in accertamenti e verifiche. 

A nulla varranno dunque contratti di comodato o di locazione da esibire, posto che gli stessi non sono idonei a dimostrare la titolarità del bene. L’ufficiale giudiziario sottoporrà a pignoramento anche quelli.

Starà al terzo legittimo proprietario, eventualmente, adire le vie legali ed utilizzare gli strumenti processuali previsti dalla normativa, quali l’opposizione di terzo all’esecuzione ai sensi dell’art. 619 c.p.c. Chi ritenga di essere stato leso ingiustamente dalla procedura esecutiva potrà, infatti, intervenire nella stessa con apposito ricorso al Giudice dell’esecuzione al fine di dimostrare di essere il legittimo proprietario. Procedura che, va da sè, comporta una serie di costi e conseguenze negative per il terzo mal capitato oltre che per il debitore.

Come vedi quindi, il pericolo può essere sempre in agguato e districarsi nel complesso mondo delle procedure esecutive è tutt’altro che semplice, soprattutto se il creditore in questione è Agenzia Riscossione!

Se hai ricevuto un pignoramento mobiliare da ADER o se pensi che ci possa essere il serio rischio di riceverne uno perchè non hai ancora gestito il tuo debito col Fisco, contattaci! Analizzeremo la tua situazione e valuteremo insieme la strategia più opportuna!

Codice della crisi e dell’insolvenza, un quadro d’insieme

Il nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza offre alle imprese in difficoltà una serie di opportunità per ridurre il proprio debito fiscale dopo averlo impugnato. Grazie ad esso, ad esempio, è possibile ridurre il debito fino al 70-80%, pagando il restante 20-30% in 4 o 5 anni.

Impugna il Debito e Riducilo del 70-80%