Novità sulla Compensazione Crediti e Debiti con l’Agenzia delle Entrate Riscossione

articolo a cura di:
Giovanni Milanesio
Giovanni Milanesio

pubblicazione:

Novita-sulla-Compensazione-Crediti-e-Debiti-con-lAgenzia-delle-Entrate-Riscossione

Compensazione Crediti e Debiti con Agenzia delle Entrate Riscossione

Le ultime modifiche normative riguardanti la compensazione dei crediti e debiti con Agenzia delle Entrate Riscossione stanno generando interesse e dibattito tra imprenditori e contribuenti.
In vigore dal luglio 2024, una modifica significativa ha interessato una norma precedentemente introdotta. Inizialmente, si era discusso della necessità di rivedere la normativa esistente, tuttavia, la modifica apportata ha affrontato solo parzialmente il problema in questione.

Il Problema della Compensazione crediti debiti

Il cuore della questione riguarda la compensazione tra crediti e debiti con Agenzia delle Entrate Riscossione. La modifica normativa ha introdotto un cambiamento importante: se hai un milione di euro di crediti nei confronti di Agenzia delle Entrate ma devi ancora 100.000 euro a ADER, non potrai compensare il milione a causa del debito pendente.

Questa limitazione può avere conseguenze significative e talvolta incomprensibili per coloro che gestiscono le proprie finanze aziendali. Il fatto che il debito pendente blocchi la compensazione di crediti eccedenti sembra essere una distorsione del sistema.

Modifica della Norma

La modifica normativa ha apportato un miglioramento, consentendo la compensazione per coloro che stanno rateizzando i debiti con Agenzia delle Entrate Riscossione. Tuttavia, resta ancora un problema sostanziale per coloro che hanno impugnato i debiti o si trovano in altre situazioni particolari.

Si spera che ulteriori modifiche normative possano correggere questa distorsione e consentire una compensazione più equa e razionale tra crediti e debiti. È importante, in ogni caso, rimanere aggiornati sulle prossime evoluzioni e adattare le strategie di gestione finanziaria di conseguenza.

Conclusioni

Le novità sulla compensazione dei crediti e debiti con l’Agenzia delle Entrate Riscossione hanno suscitato dibattito e interesse. È fondamentale comprendere le implicazioni di queste modifiche e adottare le strategie più adeguate per gestire efficacemente la propria situazione finanziaria. CFI – Crisi Fiscale d’Impresa è al tuo fianco da oltre 20 anni, al punto da essere stata copertina Forbes nel 2022 ed Eccellenza del Legal nell’assistenza a imprenditori per la gestione della Crisi d’Impresa, fornendo supporto specializzato a imprenditori e professionisti con debiti maggiori di 100, 200, 500 mila e 1 milione di euro, nel compito di navigare le acque tumultuose della crisi fiscale. Con un approccio basato sulla conoscenza approfondita del Nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza, aggiornato a luglio 2024 e per il quale abbiamo fissato un corso di formazione per avvocati, CFI ti offre le chiavi per una gestione strategica del debito, mirando all’abbattimento sostanziale dell’importo dovuto e alla definizione di piani di pagamento sostenibili. Si parla di un abbattimento del debito del 70-80% dopo aver impugnato le cartelle e della possibilità di pagare il restante 20-30% in 4 o 5 anni.

Abbatti il tuo debito fiscale del 70-80%