Indagini sul conto corrente: anche le “uscite” possono trasformarsi in “entrate” frutto di presunta evasione!

articolo a cura di:
Claudia Patrone
Claudia Patrone

pubblicazione:

Indagini sul conto corrente: anche le “uscite” possono trasformarsi in “entrate” frutto di presunta evasione!

Indagini sul conto corrente: anche le “uscite” possono trasformarsi in “entrate” frutto di presunta evasione!

Hai letto bene…non ti sembrerà vero ma è proprio così!

Nel caso in cui il Fisco dovesse mettere gli occhi sul tuo conto corrente potrà trasformare tutte le movimentazioni “in uscita” in redditi non dichiarati per assoggettarli a tassazione, applicando sanzioni e interessi.

In altri termini, non solo l’incasso ma anche la spesa sostenuta, ove non adeguatamente giustificata, legittima l’Agenzia delle Entrate a presumere che abbia generato un ricavo “non dichiarato” di almeno pari importo (art. 32 del D.P.R. n. 600/1973).

Ti faccio un esempio: se dal conto corrente risulta l’emissione di un assegno di euro 30.000,00 e tu, a distanza anche di cinque anni, non sei più in grado di giustificare tale “spesa”, il Fisco sottoporrà a tassazione tale importo come se fosse un ricavo “evaso”.

Se sei un imprenditore,quindi, presta massima attenzione non solo nel verificare che tutto quello che incassi sia “coperto” da adeguata fattura ma anche nel conservare ogni documento utile a giustificare la singola spesa.

Come immaginerai, infatti, per difenderti da tale invasiva tipologia di controllo sarà necessario avere tutte le carte in regola, oltre all’indispensabile ausilio di un professionista specializzato in materia.

Infine, volevo ricordarti che se sei un libero professionista la via d’uscita da tali contestazioni è, apparentemente, più semplice.

Infatti, la Corte Costituzionale, con la “storica” sentenza n. 228/2014, ha statuito che è “arbitrario ipotizzare che i prelievi ingiustificati da conti correnti bancari effettuati da un lavoratore autonomo siano destinati ad un investimento nell’ambito della propria attività professionale e che questo a sua volta sia produttivo di un reddito”.

Indagini conto corrente e cosa devi assolutamente sapere sulla crisi d’impresa

Da oltre 20 anni CFI – Crisi fiscale d’impresa aiuta gli imprenditori a risolvere la Crisi Fiscale d’Impresa.

Impugnando il debito maggiore di 300mila euro, grazie al Nuovo Codice della Crisi, è possibile ottenerne l’abbattimento del 70-80% con la possibilità di pagare il restante 20-30% in 4-5 anni.

Ciò grazie agli Accordi di Ristrutturazione dei Debiti e ai Concordati Preventivi con la Transazione Fiscale.

Inoltre, potrai Gestire e Ridurre, fino al 100%, gli atti di Agenzia delle Entrate e Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia). Eliminerai così Inviti a comparire, Avvisi Bonari, Avvisi di Accertamento, Cartelle di Pagamento, Ipoteche e Pignoramenti per importi superiori a 100mila euro.

Se il tuo debito fiscale è maggiore di 100mila euro clicca qui per essere ricontattato in meno di 1 ora.

Indagini sul conto corrente e presunta evasione, la soluzione esiste!