Gestione dei Debiti con l’Agenzia delle Entrate Riscossione nel 2024

articolo a cura di:
Giovanni Milanesio
Giovanni Milanesio

pubblicazione:

Gestione-dei-Debiti-con-lAgenzia-delle-Entrate-Riscossione-nel-2024

Gestione dei Debiti con l’Agenzia delle Entrate Riscossione nel 2024

Il 2024 presenta nuove sfide e opportunità per professionisti e aziende che devono fronteggiare debiti rilevanti con l’Agenzia delle Entrate Riscossione.
Tradizionalmente, la negoziazione con l’Agenzia delle Entrate Riscossione era limitata: o si pagava l’intera somma dovuta o si procedeva con l’impugnazione del debito. Tuttavia, con il cambiamento del panorama normativo e l’introduzione del nuovo codice della crisi e dell’insolvenza, si sono aperte nuove prospettive e strumenti innovativi per affrontare questa sfida.

La Rivoluzione della Transazione Fiscale

Uno degli strumenti più rivoluzionari introdotti dal nuovo codice è la transazione fiscale. Inserita in accordi di ristrutturazione dei debiti o concordati preventivi, questa opzione consente alle imprese di negoziare a condizioni favorevoli con l’Agenzia delle Entrate Riscossione. In molti casi, è possibile ottenere uno stralcio del debito fino al 70-80%, rappresentando un cambiamento significativo rispetto alla rigidità delle procedure tradizionali.

Aspettative per il Futuro

L’attesa è per un’ulteriore evoluzione normativa che possa includere la transazione fiscale anche nella composizione negoziata della crisi. Questo potrebbe portare a un cambiamento radicale nel rapporto tra imprese e fisco, offrendo una maggiore flessibilità e possibilità di negoziazione anche in situazioni di crisi impreviste.

L’Importanza di un Team Qualificato

Per sfruttare appieno le opportunità offerte dal nuovo codice e navigare con successo attraverso le complesse dinamiche della gestione dei debiti con l’Agenzia delle Entrate Riscossione, è fondamentale avere un team qualificato di professionisti. Questo team dovrebbe comprendere una varietà di figure, tra cui commercialisti, advisor finanziari, advisor legali e, in alcuni casi, anche penalisti specializzati in diritto tributario societario e fallimentare.
CFI – Crisi Fiscale d’Impresa è al tuo fianco da oltre 20 anni, al punto da essere stata copertina Forbes nel 2022 ed Eccellenza del Legal nell’assistenza a imprenditori per la gestione della Crisi d’Impresa, fornendo supporto specializzato a imprenditori e professionisti con debiti maggiori di 100, 200, 500 mila e 1 milione di euro, nel compito di navigare le acque tumultuose della crisi fiscale. Con un approccio basato sulla conoscenza approfondita del Nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza, aggiornato a luglio 2024 e per il quale abbiamo fissato un corso di formazione per avvocati, CFI ti offre le chiavi per una gestione strategica del debito, mirando all’abbattimento sostanziale dell’importo dovuto e alla definizione di piani di pagamento sostenibili. Si parla di un abbattimento del debito del 70-80% dopo aver impugnato le cartelle e della possibilità di pagare il restante 20-30% in 4 o 5 anni.

Abbatti il tuo debito fiscale del 70-80%