Fermo Amministrativo: Importo Minimo del Debito e Proporzionalità

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

Fermo Amministrativo Importo Minimo del Debito

Fermo Amministrativo: Importo Minimo del Debito e Proporzionalità

Il fermo amministrativo (disciplinato dall’Art. 86 del D.P.R. n. 602/1973) è una misura che può essere applicata a diversi tipi di veicoli, inclusi automobili, motoveicoli e barche, a seconda dell’importo del debito. Questo articolo esplora le implicazioni relative all’importo minimo del debito e alla proporzionalità del fermo amministrativo.

Prassi di Equitalia su Importo Minimo e Numero di Veicoli

Sebbene non esistano limiti legali di importo per l’applicazione del fermo amministrativo, la prassi di Equitalia (oggi Agenzia delle Entrate Riscossioni) prevedeva alcuni valori indicativi:

  • Debiti fino a 2.000 euro: In genere, per debiti fino a questo importo, il fermo poteva essere applicato su un solo veicolo.
  • Debiti da 2.000 a 10.000 euro: Per debiti in questa fascia, era possibile che il fisco ponesse un fermo su fino a 10 autovetture.
  • Debiti oltre 10.000 euro: In caso di debiti superiori a questa soglia, la sospensione della circolazione poteva essere applicata su tutte le autovetture possedute dal soggetto debitore.

È importante sottolineare che questi erano importi indicativi e l’Agenzia delle Entrate-Riscossione può imporre il fermo anche per debiti minori.

Assenza di Limiti Minimi di Debito e Numero Massimo di Veicoli

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione non è tenuta a rispettare un limite minimo di debito né un numero massimo di veicoli su cui applicare il fermo amministrativo. Tuttavia, è fondamentale che l’applicazione del fermo rispetti un principio di proporzionalità.

Il Principio di Proporzionalità e l’Illegittimità del Fermo

Se il principio di proporzionalità non viene rispettato, ad esempio applicando un fermo su un numero di veicoli eccessivo rispetto al debito, questo può essere un motivo valido per far dichiarare l’illegittimità del fermo amministrativo da parte di un giudice.

Conclusione

La conoscenza dei valori indicativi e della proporzionalità è essenziale per comprendere e contestare un fermo amministrativo. In caso di sproporzione tra il debito e il numero di veicoli fermati, è consigliabile rivolgersi a un professionista qualificato per una consulenza dettagliata e assistenza legale. Per ulteriori informazioni, si consiglia di contattare CFI Crisi Fiscale d’Impresa.

Ricorda che Gestire il debito fiscale è fondamentale per cui è sempre opportuno partire da una concreta analisi del debito per comprendere se sia possibile, attraverso gli strumenti del nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza, abbatterlo del 70-80% e pagare il restante 20-30% in 4-5 anni dopo averlo impugnato.

Risolvi adesso con il Fisco