Fermo Amministrativo e Veicoli del Lavoratore Dipendente: Normativa e Casistica Giurisprudenziale

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

Fermo Amministrativo e Veicoli del Lavoratore Dipendente Normativa e Casistica Giurisprudenziale

Fermo Amministrativo e Veicoli del Lavoratore Dipendente: Normativa e Casistica Giurisprudenziale

Il fermo amministrativo (disciplinato dall’Art. 86 del D.P.R. n. 602/1973) è uno strumento chiave per l’Agenzia delle Entrate-Riscossione nella riscossione dei debiti tributari. Il suo impatto sui veicoli utilizzati da lavoratori dipendenti presenta specificità normative e giurisprudenziali che meritano un’analisi dettagliata. Questo articolo esplora questi aspetti, fornendo un quadro chiaro e completo.

Normativa del Fermo Amministrativo

Secondo l’art. 86 comma 1 del DPR n. 602/73, il fermo amministrativo è un provvedimento che limita l’utilizzo di un veicolo registrato nel PRA fino al pagamento di un debito con l’Erario. La normativa, tuttavia, contempla solo gli imprenditori e i professionisti per l’esclusione dal fermo di veicoli strumentali all’attività lavorativa, escludendo di norma i lavoratori dipendenti da questa possibilità​​.

Sentenze Rilevanti

Nonostante l’orientamento prevalente della giurisprudenza segua questa linea, ci sono state alcune sentenze significative che hanno stabilito l’illegittimità del fermo amministrativo su veicoli utilizzati da lavoratori dipendenti. Ad esempio, la CTP Milano con la sentenza n. 9202/2014 e la CTR Roma con la n. 2144/2018 hanno dichiarato nullo il fermo su auto utilizzate da dipendenti per recarsi sul luogo di lavoro, in particolare quando la distanza dal luogo di residenza è notevole e in assenza di alternative di trasporto. In queste circostanze, il veicolo è stato considerato indispensabile per l’attività lavorativa e quindi escluso dalla possibilità di fermo​​.

Considerazioni Pratiche

Queste sentenze aprono una via importante per i lavoratori dipendenti che si trovano in una situazione simile. La contestazione del fermo amministrativo può basarsi sull’indispensabilità del veicolo per raggiungere il posto di lavoro, specialmente in assenza di mezzi pubblici alternativi. Tuttavia, è importante sottolineare che ogni caso è unico e deve essere valutato individualmente.

Conclusione

Il fermo amministrativo sui veicoli di lavoratori dipendenti è un’area complessa del diritto tributario e fiscale. Per una consulenza specifica e per assistenza nella contestazione di un fermo amministrativo, si consiglia di rivolgersi a professionisti esperti in materia, come quelli di CFI Crisi Fiscale d’Impresa.

Ricorda che Gestire il debito fiscale è fondamentale per cui è sempre opportuno partire da una concreta analisi del debito per comprendere se sia possibile, attraverso gli strumenti del nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza, abbatterlo del 70-80% e pagare il restante 20-30% in 4-5 anni dopo averlo impugnato.

Risolvi il debito con il Fisco