Costituzione in Giudizio di ADER con Avvocato del Libero Foro

articolo a cura di:
Alexandra Favaloro
Alexandra Favaloro

pubblicazione:

Costituzione in Giudizio di agenzia delle entrate riscossione

Costituzione in Giudizio di ADER con Avvocato del Libero Foro

 

Il Tribunale di Rieti lo conferma: è nulla la procura rilasciata all’Avvocato del libero foro in assenza di apposita delibera

Come ricorderete, ci siamo soffermati in più occasioni sulle azioni cautelari notificate da Agenzia Entrate Riscossione a garanzia del proprio credito. In particolare, nell’ultimo periodo, c’è stata una pioggia di notifiche di preavvisi di fermo amministrativo e conseguente iscrizione dei fermi veri e propri, che hanno letteralmente lasciato a piedi centinaia di contribuenti.

E’ quello che è capitato a Giuseppe, nostro assistito, che si è visto notificare un preavviso di fermo per l’importo di quasi 200.000 euro sulla base di cartelle di pagamento e avvisi di addebito di cui ignorava l’esistenza. Dopo un primo momento di sgomento, però, non si è perso d’animo e si è rivolto a noi.

 

L’analisi del caso

Esaminata la situazione abbiamo comunicato a Giuseppe che avremmo potuto rivolgerci al Giudice per chiedere l’annullamento del preavviso, poiché sia il preavviso stesso, che i titoli ivi contenuti, presentavano una serie di vizi sia del processo notificatorio, sia di intervenuta decadenza dall’esercizio del potere di riscossione.

Abbiamo provveduto dunque a depositare il ricorso a Novembre e, dopo qualche tempo, nel mese di maggio si è discussa la causa. Il Tribunale del Lavoro di Rieti, esaminati gli atti e le difese di Agenzia Riscossione, si è finalmente pronunciato il 04/06/2024 ed ha emesso sentenza n.99/2024 con la quale ha accolto il nostro ricorso!

 

Il ruolo determinante dell’eccezione sollevata tramite un avvocato del libero foro

Oltre alle contestazioni formulate in merito ai vizi di notifica e all’intervenuta decadenza, è stato determinante per il Giudice l’eccezione da noi sollevata in corso di causa, a seguito della costituzione in giudizio di Agenzia Entrate Riscossione, tramite avvocato del libero foro.
Come citato anche nella sentenza: “nelle liti concernenti «l’attività di riscossione» pendenti avanti alla Corte di cassazione civile e tributaria (paragr.3.4 Protocollo), e comunque nelle controversie in cui vengono in rilievo «questioni di massima o particolarmente rilevanti, in considerazione del valore economico o dei principi di diritto in discussione» (ibidem paragr. 3.2), sussiste l’obbligo dell’Avvocatura dello Stato di assumere il patrocinio dell’Ente.
Nel caso di specie dunque, ADER, per potersi avvalere di un Avvocato del libero foro, circostanza che è ammissibile solo in via residuale, avrebbe dovuto produrre in giudizio l’apposita delibera con la quale l’Ente autorizzava tale deroga.

 

Le conseguenze della mancanza di delibera

Non avendo controparte prodotto ed eccepito nulla con riferimento alla contestazione da noi mossa, quindi, il Giudice ha considerato invalida la procura alle liti rilasciata all’Avvocato di Agenzia Entrate Riscossione. Invalidità che ha travolto ogni sua difesa e che ha condotto il Giudice ad accogliere le nostre istanze annullando il preavviso di fermo e l’avviso sotteso.
Un sospiro di sollievo per Giuseppe quindi che ha potuto risolvere la situazione grazie al nostro intervento.


Come difendersi in casi simili

Come vedi, così come possono esserci molte insidie negli atti della riscossione, altrettanti vizi potrebbero essere individuati con l’aiuto di professionisti esperti e qualificati. Se anche tu vuoi scoprire come poterti tutelare contattaci al più presto!
CFI – Crisi Fiscale d’Impresa è al tuo fianco da oltre 20 anni, al punto da essere stata copertina Forbes nel 2022 ed Eccellenza del Legal nell’assistenza a imprenditori per la gestione della Crisi d’Impresa, fornendo supporto specializzato a imprenditori e professionisti con debiti maggiori di 100, 200, 500 mila e 1 milione di euro, nel compito di navigare le acque tumultuose della crisi fiscale. Con un approccio basato sulla conoscenza approfondita del Nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza, aggiornato a luglio 2024 e per il quale abbiamo fissato un corso di formazione per avvocati, CFI ti offre le chiavi per una gestione strategica del debito, mirando all’abbattimento sostanziale dell’importo dovuto e alla definizione di piani di pagamento sostenibili. Si parla di un abbattimento del debito del 70-80% dopo aver impugnato le cartelle e della possibilità di pagare il restante 20-30% in 4 o 5 anni.

Abbatti il tuo debito