Stralcio delle cartelle, i contributi previdenziali cancellati riconteggiabili anche con versamento rateale

articolo a cura di:
Concetta Bonanno
Concetta Bonanno

pubblicazione:

contributi inps cancellazione

Contributi INPS cancellazione: riconteggiabili anche con versamento rateale

Con un emendamento da inserire in sede di conversione in legge del decreto lavoro (Dl 48/2023), viene introdotta una norma per “ripescare” i contributi INPS cancellati in modo automatico. L’annullamento dei contributi pensionistici ha comportato la cancellazione delle posizioni contributive di commercianti, artigiani, lavoratori autonomi agricoli e professionisti iscritti alla gestione separata dell’Inps.

In questo contesto i contribuenti che possano essere interessati al cd. “ripescaggio” dovranno presentare una specifica domanda e versare le somme dovute all’INPS  in unica soluzione o in rate mensili, da pagare entro il 31 dicembre 2023.

Sarà, così possibile ricostruire le posizioni contributive stralciate con la cancellazione d’ufficio dei carichi affidati all’agente della Riscossione dal 2000 al 2015 per importi fino a mille euro.

Il ripescaggio è consentito sia per i contributi azzerati, sia per i contributi annullati a norma  della legge 197/2022 (Bilancio 2023). 

Contributi INPS cancellazione e riconteggio, come funziona

Le norme richiamate dispongono che: 

  • o sono automaticamente annullati i debiti di importo residuo, fino a mille euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, anche se riferiti alle cartelle per le quali è già intervenuta la richiesta per la cosiddetta rottamazione ter; l’annullamento è effettuato alla data del 31 dicembre 2018 (articolo 4, Dl 119/2018); 
  • o sono automaticamente annullati, alla data del 30 aprile 2023, i debiti di importo residuo, al primo gennaio 2023, fino a mille euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015 dalle amministrazioni statali, dalle agenzie fiscali e dagli enti pubblici previdenziali, anche se compresi in precedenti definizioni agevolate, quali la rottamazione ter o la definizione speciale a saldo e stralcio (articolo 1, comma 222, della legge 197/2022).

Le istruzioni operative

La possibilità di “ripescaggio” con il conseguente pagamento dei contributi annullati in modo automatico, è frutto dell’emendamento al decreto lavoro, che prevede di inserire, dopo l’articolo 23, del Dl 48/2023, l’articolo 23-bis, recante disposizioni urgenti in materia di stralcio dei debiti contributivi. 

Il comma 1 dispone che «Al fine di tutelare le posizioni assicurative dei soggetti iscritti alle gestioni artigiani e commercianti, lavoratori autonomi agricoli, committenti e professionisti iscritti alla gestione separata dell’Inps, per i quali sono stati annullati i debiti contributivi di cui all’articolo 1, comma 222, della legge 29 dicembre 2022, n. 197, tali soggetti possono chiedere all’ente previdenziale, tenendo conto dei limiti in materia di prescrizione, «il riconteggio dei debiti cancellati da saldare in soluzione unica o in rate mensili di pari importo da versare entro il 31 dicembre 2023. 2. Le modalità e i tempi di presentazione della domanda sono definiti dall’Inps». 

Sono perciò attese le istruzioni operative da parte dell’istituto previdenziale per ricostruire le posizioni contributive stralciate a seguito della cancellazione d’ufficio dei carichi affidati all’agente della Riscossione dal 2000 al 2015 di importi fino a mille euro.

Ma come puoi risolvere se hai un debito fiscale importante?

Se invece hai un debito superiore a 100 mila euro non disperare: oggi tornare a essere un imprenditore libero si può. 

Affidarsi a un professionista esperto in contenzioso tributario si rivela uno strumento efficace e risolutivo.

E nel caso di una crisi aziendale, ricorda che oggi hai a disposizione molti strumenti giuridici, da poco rinnovati e modificati, che consentiranno di gettarti la paura alle spalle e ripartire con rinnovato slancio

Il concordato preventivo (approfondisci qui questo aspetto) o ancor meglio gli accordi di ristrutturazione del debito con transazione fiscale sono il vero saldo e stralcio per le aziende perché possono ridurre il debito fino all’80% pagando il restante 20% in quattro i cinque anni. 

CFI – Crisi Fiscale d’Impresa mette a disposizione il suo team di esperti proprio per aiutarti a trovare la miglior strategia per ottenere il massimo risultato. 

Contattaci da qui sotto, ti richiameremo entro 1 ora.

Risolvi la tua situazione Debitoria, ora e per sempre