Come Evitare i Pignoramenti del Conto Corrente e dei Crediti per Debiti Importanti con il Fisco [Come fare – Parte 2]

articolo a cura di:
Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

pubblicazione:

Come Evitare i Pignoramenti del Conto Corrente in Caso di Debiti con il Fisco _Come fare - Parte 2_

Come Evitare i Pignoramenti del Conto Corrente e dei Crediti per Debiti Importanti con il Fisco [Come fare – Parte 2]

Dopo aver esplorato le basi nella “Parte 1”, approfondiamo ora come gestire debiti significativi con il fisco, affrontando situazioni che coinvolgono non solo l’Agenzia delle Entrate Riscossione, ma anche altri enti creditori.

Come Evitare i Pignoramenti: la Gestione Complessiva della Posizione Debitoria

Questo segmento è rivolto principalmente a professionisti, titolari di partita IVA e imprenditori che affrontano debiti ingenti con il fisco. È fondamentale considerare l’intera posizione debitoria, che può includere debiti notificati da Agenzia delle Entrate Riscossione, provenienti da Agenzia delle Entrate, INPS ed enti comunali ad esempio.

Come evitare i Pignoramenti: il Ruolo del Nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza

Grazie al nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza, è possibile richiedere misure protettive attraverso strumenti quali accordi di ristrutturazione dei debiti, concordati preventivi o la composizione negoziata. Queste misure possono fermare e congelare tutte le azioni esecutive e cautelari da parte di tutti i creditori, inclusi quelli privati come fornitori e banche. Provo a fornirti adesso qualche informazione in dettaglio.

  • Protezione Contro l’Asta di Beni Immobili

Un aspetto notevole del nuovo Codice è la possibilità di fermare persino l’asta di un bene immobile già avviata, offrendo così una salvaguardia anche in situazioni estreme.

  • Ottenere Risultati Significativi

Utilizzando gli strumenti appropriati e, ovviamente, in presenza delle condizioni adatte, è possibile ottenere riduzioni del debito fino al 70-80%, sia con il fisco che con altri fornitori.

  • Prevenzione dei Pignoramenti attraverso Misure Protettive

Prima di mirare a questi risultati importanti, è essenziale concentrarsi sulla prevenzione dei pignoramenti di conti correnti e crediti verso i clienti. Le misure protettive all’interno del Codice della Crisi svolgono un ruolo cruciale in questa fase.

Come Evitare i Pignoramenti dopo la fine della Rottamazione Quater.

Ricordarsi che la soluzione efficace di un debito con il fisco o di un debito aziendale in generale risiede nella sua gestione attenta e informata. Misure protettive, come quelle menzionate, possono essere vitali nell’evitare pignoramenti che potrebbero complicare ulteriormente la situazione.

La “fine” della Rottamazione Quater e le Sue Conseguenze

Molti contribuenti hanno aderito alla rottamazione quater e nonostante tutto non sono riusciti a saldare le rate entro il 18 dicembre 2023. Costoro, ad oggi, sono decaduti da ogni vantaggio legato alla Rottamazione e sono esposti a pignoramenti. In questo video ti spiego cosa puoi fare adesso per evitare le azioni esecutive come, ad esempio, i pignoramenti del conto corrente.

Non va accantonato anche un altro aspetto: nelle ultime settimane è la stessa Agenzia delle Entrate Riscossione a “suggerirel’applicazione di uno degli istituti presenti nel nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza per gestire e risolvere con il Fisco. Ne abbiamo parlato in questo articolo.

Come Evitare i Pignoramenti, un esempio pratico

Immagina di avere un mobilificio, di essere un imprenditore edile o un titolare di un noto ristorante e di trovarti dinanzi un debito fiscale e non di 500mila o anche 1 milione di euro. Ad oggi, grazie a un team di professionisti specializzati potresti dapprima impugnare le cartelle e poi presentare al Tribunale competente un piano di pagamento dei debiti che prevede la ristrutturazione del tuo bilancio e la conseguente ripresa del business, evitando anche il fallimento.

Su questo, sarà fondamentale l’esperienza del team cui ti affiderai. Infatti, durante l’impostazione strategica, individueremo creditori e affini e imposteremo un piano a te vantaggioso e a loro in grado di garantire soddisfacimento di tutti. Eh sì, il risparmio per te potrebbe arrivare al 70-80% del debito totale. Lo abbiamo già fatto, lo facciamo da oltre 20 anni con Crisi Fiscale d’Impresa e va sempre a soddisfare tutti ed evitare il fallimento dell’azienda. A proposito: a decidere sarà il Giudice e neanche il Fisco potrà opporsi a tale decisione!

Se ti trovi in una situazione debitoria complessa, l’assistenza di professionisti esperti è fondamentale. CFI – Crisi Fiscale d’Impresa, con oltre 20 anni di esperienza, è a disposizione per aiutarti a navigare in queste acque difficili e trovare insieme la soluzione più adatta.

La soluzione al Debito Fiscale è nella sua Gestione