Alluvione in Toscana: STOP alle tasse

articolo a cura di:
Concetta Bonanno
Concetta Bonanno

pubblicazione:

Alluvione in Toscana

Alluvione in Toscana: STOP alle tasse

In arrivo un pacchetto di interventi per le province di Firenze, Livorno, Pisa, Pistoia e Prato colpite dall’alluvione del 2 e 3 novembre, che prevederà lo stop agli adempimenti e versamenti tributari.

Un pacchetto di interventi destinato alle province di Firenze, Livorno, Pisa, Pistoia e Prato colpite dall’alluvione del 2 e 3 novembre. Un decreto ad hoc, che stabilirà lo stop agli adempimenti e versamenti tributari

Già qualche giorno fa, è arrivata la prima ordinanza del commissario delegato per l’emergenza, che ha deliberato lo stop alle rate dei mutui. La misura ha, infatti,  anticipato la nota con cui l‘Associazione bancaria italiana ha invitato le banche del territorio a prevedere misure di sospensione dei mutui

Mentre per far fronte ai danni, che hanno già superato quota 500 milioni di euro, è intervenuto anche il ministero degli esteri con misure dedicate alle imprese esportatrici.

Alluvione in Toscana: alcuni dettagli

Proroga degli adempimenti fiscali, richiesta maggiormente dai commercialisti del territorio , i quali confermano che l’eccezionalità degli eventi alluvionali ha determinato situazioni di estrema difficoltà.

Di conseguenza, molte attività lavorative di imprese e professionisti non hanno potuto svolgere la loro normali attività; la suddetta proroga dovrà riguardare non solo gli adempimenti dei contribuenti aventi la residenza e la sede legale o operativa nei territori colpiti, ma anche quelli effettuati o a carico di professionisti ivi localizzati per conto di contribuenti aventi la residenza e la sede legale o operativa in territori non colpiti dalla calamità naturale. 

A dare una risposta a queste problematiche dovrebbe intervenire un provvedimento d’urgenza del governo la cui tempistica non è però facilmente individuabile. Del resto anche dopo l’emergenza climatica di luglio in Lombardia erano state annunciate apposite misure di alleggerimento fiscale che hanno però visto l’attuazione solo dopo l’indicazione del perimetro territoriale e la quantificazione dei comuni interessati (il provvedimento è stato quindi realizzato in due fasi, seconda conclusa con la scelta della rimessione in termini inserita nel dl proroghe n. 132/2023).

Sospensione dei mutui. 

Ieri intanto l’Abi ha invitato “le banche a dare immediata attuazione alla sospensione dei mutui, appena i provvedimenti e le ordinanze istituzionali saranno pubblicati in Gazzetta Ufficiale”. L’Associazione ha anche sottoscritto un protocollo di intesa con la Protezione civile e le Associazioni dei consumatori. Sarà la prima, a fornire tutti i riferimenti per una piena applicazione della sospensione.

Aiuti all’export.

Per sostenere le province alluvionate si sta muovendo anche il ministero degli esteri, con misure dedicate alle imprese esportatrici; le quali potranno anche godere della gratuità dei servizi resi dall’ Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane come quota di finanziamento nell’ambito del progetto bonus export digitale plus (un’iniziativa di prossima attivazione per favorire la digitalizzazione delle imprese esportatrici).

Alluvione in Toscana: come trasformare un problema in opportunità

Il consiglio, per te che hai un debito fiscale non gestito, è di effettuare quanto prima un’analisi dello stesso. Grazie ad essa, infatti, potrai far chiarezza su quelle che sono le opportunità a tua disposizione di abbattimento del debito.

Grazie al nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza, infatti, dopo aver impugnato le cartelle potresti (qualora sussistano i presupposti) abbattere il debito del 70-80% e pagare il restante 20-30% in 4-5 anni.

Risolvi con il Fisco