Accertamenti fiscali più motivati. Arriverà il concordato biennale

articolo a cura di:
Concetta Bonanno
Concetta Bonanno

pubblicazione:

accertamenti fiscali

Accertamenti fiscali, in arrivo il concordato biennale fiscale

Con il disegno di legge delega di riforma fiscale – atteso nei prossimi giorni in Consiglio dei ministri – si prospettano importanti modifiche in materia di accertamenti fiscali. Si va dalla prossimità tra motivazione e prova tributaria, alla revisione della disciplina delle società non operative. All’indicazione di ben precisi paletti entro i quali consentire la rettifica nei confronti dei soci di  società a base partecipativa, fino ad arrivare al nuovo concordato preventivo biennale.

Accertamenti fiscali: la revisione dello Statuto del contribuente

A conti fatti uno degli aspetti più rilevanti in tema di accertamento è contenuto nella previsione relativa alla revisione dello Statuto del contribuente.

Viene previsto il rafforzamento dell’«obbligo di motivazione degli atti impositivi, anche mediante l’indicazione delle prove su cui si fonda la pretesa».

Si tratta di un aspetto fondamentale in quanto, nonostante anche le recenti previsioni sull’onere della prova introdotte con la riforma del contenzioso tributario, la giurisprudenza di legittimità (e la prassi) continua ad asserire che gli elementi di prova possono essere indicati per la prima volta solo nella eventuale sede processuale.

Non c’è dubbio che le prove della pretesa debbano dunque preesistere alla redazione dell’atto impositivo, come d’altronde stabiliscono già alcune specifiche disposizioni tributarie (articolo 56 del Dpr 633/1972, articolo 16 del Dlgs 472/1997). A ogni modo, il disegno di legge delega sembra – finalmente – recepire quanto era stato auspicato circa la necessaria osmosi tra prova e motivazione degli atti di imposizione.

Accertamenti fiscali: arriva il concordato biennale

Le misure previste si propongono di incentivare l’adempimento spontaneo dei contribuenti. Per i soggetti di minori dimensioni, viene statuita l’introduzione del concordato preventivo biennale. Il principale effetto risulta l’irrilevanza reddituale e contributiva del maggior reddito conseguito rispetto a quello concordato con l’Agenzia.

Società senza impresa

Di rilievo anche la revisione della disciplina delle società non operative. Si prevede l’introduzione di nuovi parametri che consentano di individuare le società senza impresa. Ciò va nell’ottica della ratio della disciplina delle società cosiddette “di comodo”, la quale ha sempre voluto colpire solamente quelle società che non svolgono un’effettiva attività economica. Purtroppo sia la prassi che la giurisprudenza non hanno fin qui tenuto conto di queste finalità e del fatto che già la norma attuale consentirebbe alle società di dimostrare (attraverso i bilanci) che svolgono un’effettiva attività commerciale.

Società a base ristretta

Davvero significativa risulta la previsione dedicata alle società a ristretta base partecipativa. Viene stabilita la limitazione alla possibilità di presumere la distribuzione ai soci del «reddito accertato» ai soli casi in cui la rettifica riguardi componenti positivi di reddito o componenti negativi inesistenti, comunque sulla base di elementi certi e precisi.

I riflessi sulla riscossione

La bozza di delega si occupa anche della riscossione, prevedendo tra l’altro l’accelerazione della tempistica della notifica delle cartelle di pagamento. Questo ai fini del diritto al discarico dell’agente della riscossione e la progressiva stabilizzazione a 120 rate mensili della durata massima della rateazione. Si annuncia inoltre il graduale e completo superamento del ruolo come strumento di riscossione, in favore dell’ampliamento dell’accertamento esecutivo. Viene altresì enunciato il prolungamento dell’efficacia dei titoli esecutivi (cartella o accertamento). Attualmente pari a un anno, ai fini delle operazioni di pignoramento e si delinea un più efficiente e diffuso ricorso al pignoramento dei rapporti finanziari con gli istituti di credito.

Hai un debito superiore ai 100mila euro? Scegli la strategia vincente per uscirne 

Se invece hai un debito superiore a 100 mila euro non disperare: oggi tornare a essere un imprenditore libero si può. 

Affidarsi a un professionista esperto in contenzioso tributario si rivela uno strumento efficace e risolutivo.

E nel caso di una crisi aziendale, ricorda che oggi hai a disposizione molti strumenti giuridici, da poco rinnovati e modificati. Questi, consentiranno di gettarti la paura alle spalle e ripartire con rinnovato slancio

Il concordato preventivo (approfondisci qui questo aspetto) o ancor meglio gli accordi di ristrutturazione del debito con transazione fiscale sono il vero saldo e stralcio per le aziende perché possono ridurre il debito fino all’80% pagando il restante 20% in quattro i cinque anni. 

CFI – Crisi Fiscale d’Impresa mette a disposizione il suo team di esperti proprio per aiutarti a trovare la miglior strategia per ottenere il massimo risultato. 

Contattaci da qui sotto, ti richiameremo entro 1 ora.

Scopri come risolvere la tua situazione Debitoria